Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Spazio dedicato alle succulente italiane ed a quelle aliene che si sono adattate a vivere nel nostro ambiente naturale

Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Mariangela » 10/12/2013, 10:31

Stavo cercando dei vecchi articoli sui semprevivi e mi sono imbattuta in un interessante articolo su un possibile ibrido di Opuntia humifusa x Opuntia scheeri. Le due piante crescono (o crescevano) sotto la Rocca di Matilde di Canossa. Sarebbe interessante andare a vedere cosa è accaduto nel frattempo. Sono passati una ventina di anni da quella "scoperta". Cosa sarà accaduto?
Non c'è nessuno che abita in zona tanto curioso da voler andare a darci un'occhiata?
Anche, qualcuno sa di altri ibridi "naturali" tra Opunzie che si sono inselvatichite?
Raccontateci. Siamo curiosi. :P

Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Rachele » 11/12/2013, 14:31

Questo posto é in provincia di ?
Ke la forza sia con te...
Avatar utente
Rachele
Moderatrice
 
Messaggi: 5705
Iscritto il: 24/07/2009, 9:16
Località: Forlì
Socio: Si
Locazione Invernale: Serra riscaldata, garage,corridoio,bagno adibito solo a piante,e ovunque si creino le condizioni ideali!
Locazione Estiva: Serra aperta , giardino e veranda , appese agli alberi...ovunque!
Coltivo dal: 1996

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Mariangela » 11/12/2013, 15:22

La provincia è quella di Reggio Emilia.
Sul forum di actaplantarum potete vedere delle foto e seguire la storia delle piante che sono state piantate lì dall'autore dell'articolo in questione. Trattandosi di un SIC (Sito di importanza comunitaria) pare che molte siano state (e giustamente) estirpate.
http://www.actaplantarum.org/floraitali ... 02&t=56377
Io ero incuriosita dall'incrocio, sempre che di incrocio si tratti. Non capendo un tubo di Opuntia, mi si può raccontare quello che si vuole. O. scheeri è autosterile, per davvero?
Mi sono sempre chiesta cosa capita con le piante sfuggite alla coltivazione. Sfuggite, non è che bisogna andare a piantarle, chiaro! :evil: . Soprattutto non bisogna piantarle in un SIC. Se si vuole sperimentare la resistenza al freddo, basta piantarle nel giardino di casa.
Gli esperti di Opuntia non vorrebbero dare un'occhiata alle foto e commentare?
Chiedo scusa, ma sono un impedita col computer. :oops: Vedo che non si collega. Basta che digitiate "actaplantarum+Opuntia scheeri" e vi ritrovate nel sito. Se gli esperti però volessero correggere, sarei grata.

Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Rachele » 11/12/2013, 15:31

Non mi ritengo un'esperta , ma di sicuro sono una appassionata di opuntia .
Comunque il link non porta da nessuna parte .
Puoi ricontrlare Mary ?
Ke la forza sia con te...
Avatar utente
Rachele
Moderatrice
 
Messaggi: 5705
Iscritto il: 24/07/2009, 9:16
Località: Forlì
Socio: Si
Locazione Invernale: Serra riscaldata, garage,corridoio,bagno adibito solo a piante,e ovunque si creino le condizioni ideali!
Locazione Estiva: Serra aperta , giardino e veranda , appese agli alberi...ovunque!
Coltivo dal: 1996

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Mariangela » 11/12/2013, 16:00

Fatto, ora si collega.

Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Rachele » 11/12/2013, 20:23

Molto bello e interessante .
Ma non ho visto nessun ibrido .
Ci sono dei bellissimi cespugli di opuntia stricta , che potrebbe anche essere una engelmanni .
Poi cespugli di scheerii , e la cylindropuntia sinceramente sembra anche a me una spinosior .
Il vandalo che le ha piantate doveva essere molto convinto visto come si sono estese le piante .
Che bei panorami ....ci stanno bene xò quelle opuntie ! :lol:
Ke la forza sia con te...
Avatar utente
Rachele
Moderatrice
 
Messaggi: 5705
Iscritto il: 24/07/2009, 9:16
Località: Forlì
Socio: Si
Locazione Invernale: Serra riscaldata, garage,corridoio,bagno adibito solo a piante,e ovunque si creino le condizioni ideali!
Locazione Estiva: Serra aperta , giardino e veranda , appese agli alberi...ovunque!
Coltivo dal: 1996

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda bruno » 11/12/2013, 20:48

come posso non essere daccordo? Le piante stanno benissimo :D
Bruno
Avatar utente
bruno
Amministratore
 
Messaggi: 6176
Iscritto il: 22/08/2007, 12:11
Località: roma
Socio: Si
Locazione Invernale: In terrazzo, dove trovo posto
Locazione Estiva: Sul terrazzo
Coltivo dal: 1991

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Mariangela » 12/12/2013, 9:53

C'è anche questa, non so se l'avete già vista: Opuntia aciculata (dicono).
http://www.actaplantarum.org/floraitali ... 41&t=56371

Si, "paesaggisticamente" le Opunzia ci stanno pure bene, ma non si può trasformare un SIC, cioè un sito che vede la presenza di elementi floristici peculiari, nel giardino di casa. Avete letto cosa non vi aveva piantato? :cry:
Leggerete nel prossimo numero della rivista come le esotiche possano creare grossi problemi alla flora spontanea.
Comunque, tornando al nostro ibrido. L'autore dell'articolo racconta che O. scheeri è pianta autosterile e per quanto egli abbia fatto per ottenere semi, non vi era mai riuscito. Poi ecco che trova un frutto sulle piante piantate sotto la rocca di Matilde, contiene pochi semi che fanno pure fatica e germinare. Conclusione egli ipotizza essere un ibrido con O. humifusa, che là è presente, inselvatichita.
Domanda, possibile?

Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Rachele » 12/12/2013, 16:01

Secondo me é lui che non é stato capace di far germinare i semi .
Le opuntia non sono tutte facilissime da seme .
La scherii che io sappia non è autosterile .
Le piante che ci mostr dell' humifusa non hanno un bel niente .
Ke la forza sia con te...
Avatar utente
Rachele
Moderatrice
 
Messaggi: 5705
Iscritto il: 24/07/2009, 9:16
Località: Forlì
Socio: Si
Locazione Invernale: Serra riscaldata, garage,corridoio,bagno adibito solo a piante,e ovunque si creino le condizioni ideali!
Locazione Estiva: Serra aperta , giardino e veranda , appese agli alberi...ovunque!
Coltivo dal: 1996

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Mariangela » 12/12/2013, 16:31

In queste foto humifusa non si vede, in effetti, ma è confermata la sua presenza sulle rocce della rocca.
Quello che però volevo sapere era proprio se O. scheeri è autosterile, oppure no, perchè se non lo è, come dice Rachele, tutto il discorso cade.
Secondo il mio parere è però sempre interessante guardare come si comportano le specie sfuggite alla coltivazione. :wink:

Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0

Re: Un'Opuntia emiliano-romagnola?

Messaggioda Aguirre » 13/12/2013, 17:28

Per uno come me che sogna un mondo ricoperto di sole opunzie :) :lol: sono immagini veramente interessanti! :P
Ciao

Stefano
Per arrivare al cielo servono solo un sassolino e la punta di una scarpa. (Julio Cortázar)
Avatar utente
Aguirre
Moderatore
 
Messaggi: 833
Iscritto il: 18/12/2007, 12:55
Località: Bolzano
Socio: Si
Locazione Invernale: In casa
Locazione Estiva: Sul terrazzo
Coltivo dal: 1997


Torna a Indigene & Intruse

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti