L'origine delle aliene

Spazio dedicato alle succulente italiane ed a quelle aliene che si sono adattate a vivere nel nostro ambiente naturale

L'origine delle aliene

Messaggioda Mariangela » 01/03/2017, 10:20

Domenica scorsa, passeggiavo sul versante retico della Valtellina, quello dei vigneti, il più caldo, e sorpresa ...mi sono imbattuta in una coltivazione all'aperto di diverse specie di succulente.
DSCF4414.JPG

Sui muri a secco e nel prato antistante sono state piantate: Echinopsis (o Trichocereus?) Lobivia silvestrii, diversi Delosperma, Agave americana, Opuntie, Graptopetalum.
Devo dire che sono davvero spettacolari, lo potete vedere da voi, e immagino lo siano ancor di più al momento delle fioriture.
DSCF4413.JPG
DSCF4412.JPG
DSCF4411.JPG
.
DSCF4410.JPG

Un giardino di succulente all'aperto è sicuramente bello ed emozionante, ma io ho qualche riserva sull'opportunità di coltivare all'aperto piante estranee alla nostra flora.
Nella zona dei vigneti, l'Opuntia compressa si è inselvatichita e tra non molto, io credo, lo sarà anche un'altra Opuntia, perchè dopo essere sfuggita dalla coltivazione si sta riproducendo spontaneamente e rapidamente sulle pareti rocciose (sempre del versante retico).
Quanto ci vorrà per trovare anche Delosperma e le altre specie? Pur se non invasive, queste piante finiscono con togliere spazio alle nostre.
Per la cronaca: le piante che vedete qui sono coltivate a circa 400 metri d'altezza.

Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0

Re: L'origine delle aliene

Messaggioda bruno » 02/03/2017, 14:07

Direi che stanno molto bene, ma concordo con te sul fatto che certe specie possano rappresentare un problema
Bruno
Avatar utente
bruno
Amministratore
 
Messaggi: 6176
Iscritto il: 22/08/2007, 12:11
Località: roma
Socio: Si
Locazione Invernale: In terrazzo, dove trovo posto
Locazione Estiva: Sul terrazzo
Coltivo dal: 1991

Re: L'origine delle aliene

Messaggioda Mariangela » 12/04/2017, 15:32

Ed ecco un'altra aliena, sfuggita alla coltivazione. Ora tre gruppetti crescono allo stato spontaneo a 1200 metri di quota. Io credo che tra non molto si raddoppieranno.
Del resto Sedum spurium, già cresce allo stato selvatico in diverse località alpine. Qui siamo in Val Brembana (Bergamo).
DSCF4444r.JPG


Mariangela
Avatar utente
Mariangela
Segretaria
 
Messaggi: 3484
Iscritto il: 09/07/2009, 14:18
Località: PESSANO C/BORNAGO (MI)
Socio: Si
Coltivo dal: 0


Torna a Indigene & Intruse

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron