Pagina 1 di 1

cutdown

MessaggioInviato: 05/04/2012, 19:55
da paolobertuzzo
qualcuno sa dirmi cortesemente che cosa si intende con cutdown plant?? sinceramente ho cercato ovunque, ma non riesco proprio a capire :x :x :?: :?: ... qualcuno mi aiuta? :D

Re: cutdown

MessaggioInviato: 05/04/2012, 20:17
da Rachele
Sai che non l'ho mai sentito ?
Che si tratti di piante tagliate alla base che devono radicare ?
Tranquillo , qualcuno ti saprà dare una risposta.

Re: cutdown

MessaggioInviato: 05/04/2012, 20:39
da paolobertuzzo
mah, l'ho trovato in diversi siti...speriamo che qualcuno sappia dirmi qualcosa. anch'io penso che significhi tipo pianta disinnestata, ma non ne ho la sicurezza. magari Bruno che ha fatto il glossario sa dirmi qualcosa. grazie Rachele

Re: cutdown

MessaggioInviato: 05/04/2012, 20:49
da balabam
to cut down a plant significa abbattere una pianta.

Re: cutdown

MessaggioInviato: 06/04/2012, 6:49
da giovangi
Ciao, cercando un po' ho trovato le espressioni "cutdown/plant" e "cutdown plant hidden stock" in base alle quali nel caso che riguarda i cactus mi viene da pensare che la pianta (che dunque sicuramente non è una semina) potrebbe essere un pollone o un "ex-innesto" riaffrancato nel primo caso e un innesto con portainnesto nascosto nel secondo (non so se qui potrebbe intendersi anche un innesto all'ipocotile).

Queste sono ipotesi, Bruno saprà dirci meglio :)

Re: cutdown

MessaggioInviato: 06/04/2012, 8:52
da bruno
Vi ringrazio per la fiducia ma non ho molto da dire, per quanto ne so cut down significa ridurre/potare/abbattere. Il termine può essere quindi usato con diversi significati in diversi contesti. Per esempio i fusti di molte piante in natura possono essere distrutti dal fuoco e la pianta si rigenera dalle radici o dai fusti sotterranei. Anche per alcuni cactus con radici carnose, ad esempio Echinocereus subg. Wilcoxia, che in habitat durante la stagione secca perdono completamente la parte area, si consiglia di rimuovere i fusti all'inizio della primavera per favorire la formazione di nuovi getti ed avere fioriture più abbondanti. Per capire bene quindi sono necessari degli esempi concreti :)

Re: cutdown

MessaggioInviato: 06/04/2012, 10:49
da giovangi
Ciao, penso che paolobertuzzo abbia trovato questo termine in cataloghi o altri siti di vendita di cactus dove si classifica in:

- Seeding plant
- Own root plant
- Grafted plant
- Cutdown hidden stock plant
- Cutdown plant

Per i primi 3 casi si capisce bene il significato, per il 4 (per "stock" mi pare comunque si intenda un portainnesto) e il 5 un po' meno.

Ho inviato una richiesta di chiarimento a un venditore che usa questo termine, se mi dà una risposta ve la riporto.

:)

Re: cutdown

MessaggioInviato: 06/04/2012, 19:52
da paolobertuzzo
Grazie a tutti, effettivamente potevo chiedere anch'io al vivaista, non ci ho pensato. ma sono quasi convinto che si tratti di pianta disinnestata e radicata. Giovanni, se ti risponde fammi sapere. Grazie a tutti. ciao

Re: cutdown

MessaggioInviato: 07/04/2012, 7:42
da giovangi
Questa é la risposta che ho ricevuto (più o meno quello che avevamo ipotizzato):

"Cutdown plant is the cactus which was grafted on stock and after that I cut by leave the short stock with head and make the roots from stock."

ciao

Re: cutdown

MessaggioInviato: 07/04/2012, 8:49
da paolobertuzzo
bene, grazie a tutti, ora bruno potrà inserire il termine nel glossario...qui non si finisce mai di imparare...
ciao e grazie ancora

Re: cutdown

MessaggioInviato: 07/04/2012, 14:14
da giovangi
Beh, vorrei provare a trarre qualche conclusione.

"cutdown plant" è un'espressione che possiamo trovare utilizzata da alcuni coltivatori di cactus per indicare una pianta innestata che viene riportata al livello del substrato tagliando il portainnesto corto sotto la pianta stessa e facendolo di nuovo radicare.

A questo punto farei una considerazione riguardante gli "effetti" di questa pratica. Tutto mi fa pensare che lo "stock" (portainnesto) utilizzato sia un cactus epifita (tipo Selenicereus) oppure Pereskiopsis, sia in considerazione del fatto che questi sono i tipi di solito utilizzati per innesto di semenzali o plantule o polloncini molto piccoli, sia perchè sono quelli che hanno più facilità a riemettere radici.

Dunque la mia considerazione è che molto probabilmente le radici di queste "cutdown plant" non resisteranno alle basse temperature.

ciao

Re: cutdown

MessaggioInviato: 10/01/2014, 19:11
da Escobar
Ciao Giovanni, mi permetto di integrare quanto da te esposto, hai perfettamente ragione quando il portainnesto sia un Hylocereus, Pereskiopsis o Selenicereus che questi non resistano alle basse temperature, ma nel caso di piante resistenti al freddo si possono usare come portainnesto delle Opuntia oppure Echinocereus ed in questo caso il soggetto ivi innestato può tranquillamente trascorrere l' inverno all' aperto :wink:

Re: cutdown

MessaggioInviato: 10/01/2014, 19:50
da giovangi
Grazie Roberto, l'argomento "innesto perfetto" (per quanto possibile) mi interessa molto, spero capiti di riparlarne :)